Massimo Germini

Scritto da il 20 Giugno 2022

A L’Isola che non c’è, lunedì 20 giugno, tra gli ospiti, Massimo Germini.
Chitarrista e compositore, da trent’anni svolge un’intensa attività concertistica, collaborando con artisti delle più svariate estrazioni e contaminando così la propria tecnica chitarristica. Oltre alle chitarre, suona strumenti a corda tipici della tradizione popolare italiana e straniera (mandolino, mandola, liuto cantabile, charango, bouzuki).
Iniziano, nei primi anni Novanta, le sue collaborazioni importanti, tra cui quella con Grazia Di Michele, con la quale ha calcato le scene per diversi anni.
Nel 2002 viene chiamato da Roberto Vecchioni a suonare nel tour estivo legato alla pubblicazione dell’album “Il lanciatore di coltelli” e, dopo una breve interruzione, i loro rapporti umani e artistici si consolidano, proseguendo stabilmente tutt’oggi, non solo per l’attività concertistica.
Fondamentale è il contributo di Massimo Germini nella parte musicale degli ultimi album del cantautore: “Io non appartengo più”, “Canzoni per i figli” e l’“Infinito” (disco d’oro nel 2018), nei quali la chitarra è strumento portante.
Da tanti anni Massimo Germini presta le sue chitarre all’intenso progetto musicale di Giovanni Nuti, artista sensibile e raffinato di grande spessore che ha musicato alcune tra le più belle poesie di Alda Merini, la quale, ancora in vita, prendeva direttamente parte agli spettacoli. Al progetto, da cui sono nati alcuni dischi, hanno nel tempo collaborato anche Milva, Valentina Cortese, Lucia Bosè, Simone Cristicchi e, da ultimo, Monica Guerritore.
Della grande poetessa Massimo Germini dice: “Alda Merini è stata sicuramente una persona con una marcia in più. Era impressionante anche solo lo sguardo, tanto era comunicativo. Alda aveva la capacità di dire sempre qualcosa di profondo e intelligente, e non risultare mai scontata e banale. Sicuramente il fatto di averla conosciuta è stato un dono prezioso”
La passione per la musica italiana d’autore ha inoltre determinato la collaborazione di Massimo Germini, a partire dal 2016, alla cattedra di Roberto Vecchioni, “Forme di poesia in musica”, all’Università di Pavia. È uscito un libro per Bompiani, scritto a quattro mani da Massimo Germini e Paolo Jachia, “Roberto Vecchioni, Una vita per Canzoni”, che nasce proprio da questa esperienza didattica.

Taggato come

Leggi

Articolo seguente

Raggi di sole


Icona
Post precedente

DISCO HIT – N°250


Icona
Traccia corrente

Titolo

Artista

Background